Tempo, social media e giornalisti scientifici

Sembra che la scorsa settimana, al meeting annuale dei giornalisti scientifici americani, si siano riuniti alcuni tra i maggiori science writer in circolazione addicted ai social network. Hanno discusso dell’impatto di twitter, facebook, Google+ sulla loro professione, sulle loro vite private e sul sonno. Cristine Russel ha scritto un resoconto divertente dell’incontro sul CRJ. Non credo ci sia uno specifico per il giornalismo scientifico. Le testimonianze sono interessanti in generale perché danno un contributo alla comprensione del “funzionamento” e dell’evoluzione dei produttori di contenuti e di informazione contemporanei. Tra errori, rettifiche, entusiasmi esagerati, ansie da prestazione, la sensazione è che stanno/stiamo partecipando alla ricerca di una nuova prospettiva di senso, professionale e personale, al tempo di vita. E’ una sfida epocale in cui spesso si corre il rischio di perdersi. Ma, come emerge dalle parole di questi giornalisti scientifici, piano piano si trova un metodo, si stabilisce una dieta, si capisce come fare meglio di prima il proprio lavoro, come essere più presenti alle persone con cui vogliamo mantenere relazioni significative, come diventare più attrezzati nella ricerca e nella produzione di informazioni sensate per le nostre agende pubbliche e private. Se si adotta questa prospettiva la rete può essere uno straordinario aiuto alla ricerca della nostra autenticità, a costruire una personalità autonoma e consapevole, a renderci più liberi, e non solo professionalmente.

Tag:, , , ,

Lascia un commento