Recensione – La realtà non è come ci appare

Come avrei voluto leggere un libro così lucido, profondo, rigoroso e allo stesso tempo accessibile e illuminante quando ero studente di fisica. La realtà non è come ci appare di Carlo Rovelli avrebbe cambiato il mio percorso universitario, e forse qualcosa di più. Non credo che avrei superato con meno fatica gli esami, ma sono convinto che un testo del genere mi avrebbe trasmesso un desiderio mai ravvisato in nessuno dei miei professori dell’epoca. Un desiderio che riguarda il tentativo vertiginoso della fisica teorica di cogliere l’estremo, l’essenziale, il remoto.
C’è qualcosa di tremendo nel percorso intellettuale che arriva ad abolire il tempo e l’infinito, come ci propone Rovelli nella sua splendida rilettura della storia della fisica, da Galileo ai giorni nostri, passando per la relatività generale e la meccanica quantistica, fino a farci avventurare sui bordi estremi della conoscenza rappresentati dalla gravità quantistica.
Ci coglie un’ebbrezza mista a stordimento nella descrizione di una realtà così diversa da quanto ci permettano di intravedere i nostri sensi e le nostre esperienze. “Siamo piccole talpe cieche sottoterra che sanno poco o nulla del mondo, ma continuano ad imparare…”, scrive Rovelli verso la fine del libro.
È l’azzardo di pensare l’impensabile che definisce la cifra peculiare della fisica teorica. La stragrande maggioranza di noi si ritrae, nei modi più diversi, di fronte a questa prova. E non credo solamente per motivi tecnici, per difficoltà matematiche e concettuali, che certamente esistono. Penso che ci sia anche qualcosa di profondamente comprensibile nel rifugiarsi nel dolce naufragio dell’indefinito, nell’abbandonare il culmine di un pensiero spesso insostenibile per lo sgomento che suscita.
Rovelli ci avvicina viceversa al coraggio intellettuale di chi sceglie il percorso più arduo, di chi non volta le spalle al mistero del mondo cedendo al disincanto o asservendosi al sapere costituito. La sua è una rivendicazione orgogliosa di chi accetta l’ignoranza, e allo stesso tempo la sfida della conoscenza, fino in fondo, senza sconti. La via proposta però è stretta e forse l’autore, se mi posso permettere una critica, potrebbe essere meno severo con chi decide di non percorrerla.
Detto questo, La realtà non è come ci appare è un vero e proprio manifesto della ricerca pura nella sua espressione più universale. Andrebbe letto anche solo per cogliere in termini contemporanei il monito dantesco a perseguire la conoscenza per dirci pienamente umani.

Tag:,

Lascia un commento