Insegnare giornalismo: come andare oltre

“Se il futuro del giornalismo è digital-first anche la formazione deve muoversi nella stessa direzione”

Screen_Shot_2015-02-19_at_9.16.37_AM La strategia del digital-first deve valere anche per le scuole di giornalismo se vogliono continuare ad avere un senso. È forse la raccomandazione più rilevante del report Above & Beyond. Looking for the Future of Journalism Education, pubblicato qualche settimana fa dalla Knight Foundation. L’autrice Dianne Lynch, attualmente presidente dello Stephens College, con un’esperienza di formatrice più che ventennale alle spalle, ha trascorso dieci mesi con professionisti, studenti, accademici sparsi sull’intero territorio americano per discutere del futuro dell’insegnamento nel giornalismo.

Il risultato è un report che, pur rispecchiando il panorama statunitense, offre spunti rilevanti anche per chi si occupa di formare professionisti dell’informazione in italia e in Europa. Lynch ha posto l’orizzonte temporale del rinnovamento delle scuole di giornalismo a dieci anni. Da qui al 2025 bisognerebbe muoversi secondo tre direttrici fondamentali:

1. Creare scuole di giornalismo digital-first

Non ha più senso strutturare programmi in cui, a un certo punto, il web viene aggiunto a quello che si insegnava in passato. I corsi su Internet e dintorni non possono arrivare dopo un presunto percorso lineare che va dalla carta ai social media. Una strategia formativa di questo tipo rispecchia una fuorviante prospettiva evolutiva perché l’ambiente naturale del professionista dell’informazione è ormai l’ecosistema digitale. Questo implica che, da una parte, i corsi tradizionali (reporting, newswriting, deontologia, ecc.) si devono modellare attorno a esso, e non il viceversa. Dall’altra, le scuole devono essere in grado di trasferire le competenze necessarie agli allievi perché diventino nodi attivi della rete. E se non si dispone dei docenti adatti è meglio prenderne consapevolezza e agire di conseguenza, invece che provare a insegnare ciò che non si conosce.

2. Integrare insegnamenti accademici con corsi professionalizzanti

Qui l’autrice tocca il punto delicato dei limiti intrensici dell’accademia. Le rigidità universitarie non si addicono all’innovazione, e non solo nell’insegnamento giornalistico. Eppure l’ambiente accademico offre ancora dei vantaggi difficili da trovare altrove. Bisogna allora produrre la migliore sintesi possibile tra l’archittettura formativa tradizionale, solida ma rigida, e la dinamicità dell’ecosistema mediale digitale, vivace ma lontano dall’equilibrio. Dianne Lynch propone un sistema di revisione e monitoraggio continuo dei corsi attraverso organi di governance aperti a professionisti esterni, più altre misure replicate ad esempio dalla formazione specialistica in medicina.

3. Richiedere sistemi di accreditamento in grado di valutare gli esiti professionali più che la solidità istituzionale

È sempre più vitale che le scuole di giornalismo si facciano valutare. Un obiettivo ambizioso se si considera che negli Stati Uniti la percentuale di programmi formativi di giornalismo accreditati non arriva al 25 per cento. L’universo digitale richiede inoltre un ulteriore passaggio. Gli standard di accreditamento attuali si focalizzano infatti in gran parte sui processi interni e sulle strutture accademiche, molto meno sugli esiti professionali e sulla capacità di sapersi adattare ai cambiamenti. Anche in questo caso, la proposta dell’autrice è permettere l’ingresso a professionisti esterni esperti di giornalismo digitale nei comitati di valutazione.

Il report di Dianne Lynch non fornisce indicazioni su specifici corsi o curricula da inserire nei programmi didattici. L’autrice sa bene, per esperienza personale, che qualunque proposta di cambiamento deve fare i conti con risorse limitate e resistenze di varia natura. L’aspetto più significativo del suo lavoro è piuttosto quello di offrire un modello possibile di strutture innovative nella formazione giornalistica, adattabili alle energie, alle capacità e alle visioni delle singole scuole. Per questo può essere utile anche per noi.

Tag:, , ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Lascia un commento