Archive for the ‘Editoria’ Category

Il ruolo della conoscenza nella formazione giornalistica

Il progetto Journalist’s Resource dell’Harvard’s Sorenstein Center ha recentemente redatto una lista aggiornata di pubblicazioni di qualità dedicate alla formazione nel giornalismo. Le risorse comprendono articoli e report di natura teorica, ma anche analisi empiriche sull’industria della notizia.
Come è noto, il sistema dell’informazione è in una fase di grande trasformazione e, forse, tra gli effetti sottovalutati del cambiamento vanno annoverate le ripercussioni sui tradizionali curricula delle scuole di giornalismo, che sembrano armi educative sempre più spuntate. Sebbene le preoccupazioni su qual è la migliore formazione da offrire ai nuovi giornalisti riguardi soprattutto i coordinatori e i responsabili di corsi di formazione, dare un’occhiata alla lista del Journalist’s Resource in generale può essere istruttivo anche per avere un’idea delle tendenze più interessanti in circolazione sul giornalismo.
Particolarmente significativi per la riflessione che conduciamo al Master della Sissa dove lavoro sono i riferimenti al giornalismo basato sulla conoscenza. Su tutti segnalo il libro Informing the News: The need for Knowledge-Based Journalism, pubblicato lo scorso ottobre dalla casa editrice Vintage e scritto da Tom Patterson, direttore di Journalist’s Resource. Patterson sostiene che la via maestra per ridare un significato sociale imprenscindibile all’informazione professionale è insegnare ai giornalisti ad usare la conoscenza.
L’autore si muove in una direzione inagurata già da Philip Mayer negli anni ’70 del secolo scorso, quando nel libro Precision Journalism, tradotto solo nel 2006 in Italia col titolo Giornalismo e metodo scientifico, proponeva di trattare il giornalismo come una scienza.
Il progetto di Mayer ha avuto fortune alterne, ma oggi ci sarebbero più possibilità di successo per il giornalismo di precisione per due ragioni. La prima è per il ruolo assunto dalla conoscenza nella teoria sociale e nelle strategie economiche. Il secondo motivo è internet. Le tecnologie digitali e di rete, sostiene Patterson, renderebbe realizzabile la visione di Meyer: basare la presentazione delle notizie sull’esercizio delle “massime virtù scientifiche”, per dirla alla Walter Lippman, che si esprimeva già in questi termini negli anni ’20 del Novecento nel volume Liberty and the News.
L’invito a una professionalizzare del giornalismo nel senso di un uso approfondito della conoscenza mi trova molto d’accordo. Così come condivido le premesse di fondo di Patterson, vale a dire che il problema dell’abbassamento della qualità delle news richiede un’innovazione di concetti e pratiche giornalistiche basata sulla riattualizzazione delle funzioni sociali dei professionisti dell’informazione. Tra queste vale la pena ricordare la capacità di validare e distinguere ciò che è rilevante per una comunità da ciò che non lo è, l’attendibilità nel fornire notizie che rappresentino la base di una realtà condivisa, la necessità di istituzioni editoriali di cui fidarsi. Il recupero passerebbe per un nuovo modo dei giornalisti di rapportarsi con il sapere.
Il ragionamento è abbastanza lineare anche se, a mio modo di vedere, lascia margini di approfondimento su almeno tre questioni: di quale conoscenza hanno bisogno i giornalisti? Quali sono i rapporti tra la conoscenza di cui parla Patterson e la scienza? Quali sono le competenze da insegnare eventualmente nei percorsi formativi?

Rispetto alla prima questione, è opportuno premettere che nei ragionamenti di Patterson, e parzialmente di Meyer, si sovrappongono piani differenti, usando ad esempio come termini intercambiabili la conoscenza accademica in ambito umanistico e sociologico con la conoscenza scientifica, oppure la conoscenza dei processi con quella dei contenuti.
Per maggiore chiarezza è forse utile isolare le diverse dimensioni in cui si esprime il problema della conoscenza dei giornalisti. Si possono identificare almeno quattro aree:

1) Il giornalismo ha un problema disciplinare, nel senso che non è un corpo sistematico di pratiche e concetti universalmente condivisi attraverso i quali si riescano a stabilire le unità minime di conoscenza necessarie e sufficienti per essere definiti giornalisti. La questione è controversa perché esistono migliaia di scuole di giornalismo nel mondo, basate però evidentemente su un fragile terreno epistemologico e quindi curriculare. Specchio di quest’indeterminatezza è il ricorrente conflitto tra “pratici” (il giornalismo è quello che fai in una redazione) e “teorici” (il giornalismo è caratterizzato da modelli, problemi e dinamiche specifiche che vanno studiate), una diatriba che difficilmente qualcuno porrebbe oggi per la medicina, la giurisprudenza o la fisica;

2) I giornalisti hanno un problema di conoscenza nel senso che non sanno e non possono sapere in profondità quello di cui raccontano. Un altro modo di dirlo è che i giornalisti sono esperti precari, esperti a tempo. È una problematica generalizzata. Che si tratti di politica, istituzioni, scienza, sport, la conoscenza dei diretti interessati su fatti specifici sarà sempre più approfondita rispetto a quella di un cronista che deve coprire temi diversi, seppur all’interno di un ambito specifico. Il paradosso non è nuovo ma è sempre attuale: se il giornalismo è ricerca di una forma di verità, come si potrà soddisfare quest’obiettivo visto che i professionisti dell’informazione non possiedono quasi mai il livello di conoscenza degli esperti protagonisti delle notizie che i giornalisti devono raccontare?

3) Il giornalisti hanno un problema di conoscenza rispetto al metodo: pochi riescono a spiegare come fanno a sapere quello che sanno o perché una procedura di individuazione ed esposizione dei fatti è più efficace giornalisticamente rispetto a un’altra. Ma soprattutto non c’è un metodo condiviso che permetta di affermare che se si seguono determinati passaggi nella ricostruzione degli accadimenti si arriva alla stessa rappresentazione della realtà;

4) I giornalisti non sanno come sfruttare pienamente la conoscenza disponibile nelle università, nei centri di ricerca, nelle biblioteche. Questo potrebbe essere definito come un problema di applicazione della conoscenza.

La distinzione proposta aiuta a comprendere se e come la scienza può essere utile nell’affermazione del giornalismo basato sulla conoscenza.
La conoscenza scientifica può fornire un modello a cui tendere e un campo su cui interrogarsi per almeno tre motivi: per la tipologia e la qualità dei contenuti, per il metodo usato nella loro produzione e perché mostra molto efficacemente come cambiano le dinamiche di accesso, distribuzione e utilizzo del sapere in epoca digitale (si veda ad esempio La stanza intelligente di David Weinberger).
Voglio sottolineare quest’ultimo punto perché si distingue molto dalla visione statica a cui si richiamano Meyer e Patterson. Il mese scorso ha suscitato una forte discussione, fra addetti ai lavori e non, una cover story dell’Economist dedicata ai limiti dei meccanismi attuali di validazione e replicabilità della ricerca e al conseguente abbassamento complessivo della qualità della conoscenza scientifica. Allo stesso tempo, come riporta Gary Marcus sul New Yorker sono diverse le iniziative che la comunità degli scienziati sta mettendo in campo per affrontare alcuni dei problemi posti dal giornale britannico. Insomma, grazie o a causa dei media digitali, stiamo capendo che la conoscenza in generale, e quella scientifica in particolare, è una materia molto più calda e fluida di quanto siamo stati abituati a pensare in epoca pre-internet.
Se si vuole fondare un giornalismo in grado di inserire la conoscenza in contesti specifici per fornire un valore aggiunto di analisi e interpretazione dei fatti, allora è bene che i futuri professionisti siano in grado di capire e spiegare come evolve la conoscenza, come risponde ai cambiamenti sociali e come, viceversa, contribusice a plasmare la società. Tra i compiti dei formatori ci dovrà allora essere quello di insegnare ai giornalisti come comprendere le logiche di accesso, produzione e distribuzione del sapere. La conoscenza scientifica è un modello rilevante per questo scopo perché è l’ambito in cui si stanno realizzando le sperimentazioni più interessanti.

Queste ultime considerazioni mi portano alla questione delle competenze. Wolfgang Donsbach, direttore del Department of Communication alla Dresden University of Technology in Germania, in un paper pubblicato da poco sulla rivista Journalism, ha elencato alcune delle qualità specifiche che dovrebbero caratterizzare un giornalista della conoscenza:

1) Competenza generali: i giornalisti devono avere la capacità di inserire la conoscenza nei contesti in cui accadono i fatti e possedere una prospettiva intellettuale di ampio respiro per prendere decisioni fondate;

2) Competenza su specifici argomenti: i giornalisti devono riuscire a raggiungere un livello di conoscenza del settore di cui si occupano sufficientemente profondo a comprendere la struttura del campo di loro interesse e a produrre una mappa degli attori principali;

3) Competenza sui processi: i giornalisti dovrebbero avere una conoscenza scientifica del processo di costruzione delle notizie e dei processi di comunicazione, dai fattori che influenzano le decisioni su come trattare le notizie ai possibili effetti sull’audience o al ruolo dei social media nell’esposizione delle informazioni;

4) Competenze tecniche;

5) Valori professionali, dove si fa riferimento al fatto che andrebbero insegnati il ruolo sociale dei giornalisti e le norme che guidano i loro comportamenti.

Come si può notare, in questa lista non si fa cenno alla comprensione e all’uso della conoscenza nel senso descritto sopra.

C’è infine un altro aspetto da considerare, a cui fa cenno anche Donsbach: una volta formati i giornalisti della conoscenza verrebbero assunti in una redazione o riuscirebbero a sbarcare il lunario come free-lance? La percezione è che le (poche) richieste di mercato in questo periodo vadano in una direzione opposta a quella proposta in questo post. Molto più valorizzate sembrano le abilità e le esperienze di tipo pratico e tecnico. Credo che la qualità e l’innovazione nel senso della conoscenza paghino molto sul lungo periodo, ma, come formatori, non ci possiamo permettere di trascurare il problema dell’occupazione a breve termine.

Tag:, , ,

Recensione – Introduzione ai media digitali

Il libro di Adam Arvidsson e Alessandro Delfanti chiarisce perché le scienze sociali si devono interessare sempre di più ai media digitali. Fatto scontato per gli addetti ai lavori. Non tanto, forse, per chi pratica rete e dispositivi digitali anche intensamente, ma non ha gli strumenti, la voglia e il tempo per averne un quadro d’insieme.
Un primo merito di questo libro è senza dubbio quello di ordinare le idee rispetto al digitale sul piano storico, politico, economico, tecnologico. Arvidsson e Delfanti stemperano efficacemente l’eccesso di nuovismo con cui ancora troppo spesso si interpreta il fenomeno di Internet, riportando molte delle cosiddette rivoluzioni della rete, che pure non mancano, nell’alveo di categorie sociologiche note. L’effetto è una rassicurante riduzione della distanza fra online e offline, soprattutto sul piano dell’analisi.
Il volume si articola in sei capitoli densi, chiari e completi, di facile accesso anche per chi si avvicina per la prima volta alla ricerca sociologica sui media digitali. Da questo punto di vista l’utilizzo del termine “Introduzione” nel titolo è molto appropriato. Argomenti frequentemente discussi dall’opinione pubblica, più o meno a sproposito, come ad esempio la cooperazione sociale online, l’identità in rete e l’economia dei media digitali, trovano una sistematizzazione efficace, sostenuta da uno sguardo laico basato su dati e ricerche. Se la chiarezza espositiva e lo stile scorrevole costituiscono un secondo motivo per leggere il libro dei due sociologi dell’Università di Milano, una terza ragione va ricercata nell’immagine complessiva del mondo digitale restituita dal volume.
Pochi giorni fa, Mario Tedeschini Lalli ha scritto un bel post sul fatto che il digitale è una cultura e non una tecnica. Il libro di Arvidsson e Delfanti aggiunge, fra le altre cose, un tassello importante in questa direzione.
Infine, Alessandro è un mio amico e non può che farmi piacere consigliare un suo libro. Allo stesso tempo mi sembra doveroso dichiarare ai lettori di questo post il mio conflitto d’interesse.

Tag:, , ,

Il giornalismo nella rete della conoscenza

“La scienza in rete assomiglia molto di più all’idea di scienza degli scienziati rispetto a quella che ne hanno i media”. È una delle chiavi di lettura che David Weinberger ci offre dell’impatto del “networking del sapere” su quella che, secondo il tecnologo della comunicazione americano, è una disciplina “profondamente dedita alla verità”, la scienza appunto. Si tratta solo di uno degli aspetti trattati ne La stanza intelligente, libro pubblicato in Italia l’anno scorso e scritto da Weinberger per descrivere le radicali trasformazioni contemporanee nella produzione, condivisione e validazione della conoscenza.
Il volume è stato già ampiamente recensito anche in Italia (qui, qui e qui ad esempio). Nonostante ciò, credo che la visione sul rapporto tra scienza e media, delineata nel settimo capitolo, meriti un approfondimento perché apre scenari di discussione inediti sul giornalismo scientifico.
Uno dei temi ricorrenti de La stanza intelligente è il rapporto tra l’editoria cartacea e la natura del sapere. In un’ottica, che potrebbe aprire il fianco a critiche di determinismo tecnologico, Weinberger mette in fila i limiti e le illusioni di un modo di conoscere fortemente influenzato dal sistema di pubblicazione basato sulla carta stampata, giudicato “sconnesso, non colloquiale, unidirezionale”.
Per chiarire il punto, Weinberger sostiene ad esempio che i libri “non esprimono la natura del sapere: esprimono la natura del sapere vincolata alla carta ritagliata in pagine, senza riguardo per i confini delle idee, e poi rilegate insieme, stampate in grandi quantità e infine distribuite, il tutto entro i limiti stabiliti da un sistema economico”.
Dopo sei capitoli spesi ad argomentare il punto di vista della “conoscenza come proprietà della rete”, contrapposto alla visione classica della conoscenza come bene privilegiato nelle mani di relativamente pochi esperti e poche istituzioni, Weinberger si concentra sulla scienza.
Anche in questo caso la posizione è chiara: “La scienza era un tipo di editoria, oggi sta diventando una rete”. Una rete che assomiglia sempre di più al medium che la ospita – Internet – e che pertanto si svela smisurata, popolata da un enorme quantità di dati, in perenne disaccordo, pragmatica, sempre incerta, influenzata da fattori esterni al laboratorio e da ambizioni personali. È una fotografia della scienza molto differente dalla rappresentazione monolitica restituita tradizionalmente dai media unidirezionali, eppure è un’immagine molto più vicina all’esperienza quotidiana degli scienziati. Per Weinberger, lo svelamento delle “fragilità” dei meccanismi che portano alla produzione di nuova conoscenza scientifica, largamente occultate dalle procedure dell’editoria tradizionale, non ne indeboliscono lo statuto epistemologico, anzi: la scienza, nonostante le debolezze umane che la condizionano e i limiti tecnologici che ne hanno segnato lo sviluppo fino ad ora, rimane il complesso di metodi e concetti con maggiori probabilità di darci accesso alle verità sul funzionamento del mondo naturale.
Detto questo, non è una novità che gli scienziati si siano sempre mossi all’interno di una ragnatela di relazioni, motivazioni, pulsioni e vincoli non finalizzati esclusivamente alla “conoscenza per la conoscenza”. L’aspetto inedito è che la rete rende visibile questa ragnatela. E rende necessario capire come raccontarla.
Il giornalismo scientifico tradizionale si riduce a presentare le scoperte scientifiche come opere finite. Ma i prodotti finali della scienza, sostiene Weinberger, non sono né finali, né prodotti, perché la scienza è la rete stessa: è la “connessione senza soluzione di continuità tra scienziati, dati, metodologie, ipotesi, teorie, fatti, speculazioni, strumenti, letture, ambizioni, controversie, scuole di pensiero, libri di testo, docenti, collaborazioni e divergenze che un tempo si faceva ogni sforzo per stampare in un numero relativamente piccolo di articoli, su di un numero relativamente piccolo di riviste”.
Va da sé che tale approccio rende poco significativa, addirittura fuorviante, la separazione tra un presunto momento privato della scienza – in cui la creatività dei ricercatori si esprime nel chiuso delle stanze dei laboratori – da quello pubblico, in cui la comunità ha accesso ai risultati finali della ricerca ma non ai tentativi, più o meno frustranti, che ne hanno caratterizzato la forma visibile a tutti. Questa divisione non risponde alla necessità di produrre la migliore scienza possibile, ma è la conseguenza dei limiti del medium cartaceo, in cui fino ad ora la conoscenza scientifica è stata costretta ad esprimersi.
Se tutto questo è vero, allora c’è molto da rivedere nel giornalismo scientifico classico, tuttora in gran parte concentrato sull’esito manifesto della ricerca, incarnato nella pubblicazione dei paper su riviste con elevato impact factor. Se crediamo a quanto sostiene Weinberger, bisognerà allora attrezzarsi, tecnicamente e culturalmente, a raccontare le connessioni, a seguire il processo più che a descrivere il prodotto. E in più, la scienza aperta delineata dallo studioso americano, richiede al giornalismo scientifico una diversa e più profonda consapevolezza del proprio ruolo. Chi racconta la ricerca deve rendersi sempre più conto che non è estraneo alla “rete della conoscenza”: ne fa parte e ne può condizionare i percorsi possibili. Quanto bene, se in modo rilevante e in che direzione dipenderà molto dalla capacità di ridefinirsi come giornalisti esperti di conoscenza scientifica all’interno di un nuovo ecosistema mediale, non più popolato da lettori, radioascoltatori o telespettatori ma soprattutto da editori e utenti attivi nella produzione di sapere.

Tag:, , ,

Il giornalismo post-industriale è scientifico

È il report giornalistico dell’anno. Almeno a giudicare dal numero e dalla qualità dei commentatori che si sono cimentati nel fornirne analisi e descrizioni. Per limitarci al contesto italiano, ne hanno parlato Luca De Biase, Giuseppe Granieri, Andrea Iannuzzi, Sergio Maistrello, Pier Luca Santoro, Mario Tedeschini Lalli. Vi rimando a questi post se volete leggere delle sintesi sfaccettate e molto acute del rapporto della Columbia Journalism School “Post-Industrial Journalism: Adapting to the Present”, redatto da C.W. Anderson, Emily Bell e Clay Shirky. Si tratta di un’analisi dello stato attuale del giornalismo e dell’editoria che, come dice bene Sergio Maistrello, parla “apertamente di giornalismo post-industriale e di riallocazione (non sostituzione) della professione del giornalista a un diverso livello dell’ecosistema dell’informazione”.
Il rapporto si articola in cinque sezioni (Introduzione, Giornalisti, Istituzioni, Ecosistema, Conclusioni). In questo post mi soffermo sul ruolo dei giornalisti nell’attuale ecosistema dell’informazione.
Faccio una premessa doverosa: cerco un po’ di tirare l’acqua al mio mulino. Una delle ipotesi di lavoro su cui stiamo lavorando alla Sissa, soprattutto nell’ambito del Master in Giornalismo Scientifico Digitale, è che la rete renda molto più manifesti che in passato i punti di contatto tra il lavoro del giornalisti e quello degli scienziati. Dal mio punto di vista è uno degli aspetti più interessanti che si possono dedurre dalla lettura del saggio di Anderson et al.
L’idea di per sé non è nuova. La proposta di un approccio giornalistico basato sulla teorizzazione di forti analogie tra il lavoro del reporter e il metodo scientifico si era già diffusa a partire dal 1969, con la pubblicazione del libro di Philip Mayer Precision Journalism. Negli Stati Uniti e in Brasile il giornalismo di precisione ha avuto diversi riscontri. Alcune inchieste realizzate secondo le sue prescrizioni hanno ricevuto il Pulitzer. In Italia è un filone molto marginale. In generale, l’idea di trattare il “giornalismo come scienza” non è stata prevalente in nessuna parte del mondo.
Si può discutere a lungo delle ragioni per cui questo approccio non sia entrato a far parte delle pratiche e della forma mentis della stragrande maggioranza dei cronisti. Sta di fatto che il giornalismo moderno non accetta più deroghe alla scientifizzazione delle modalità con cui si riportano le notizie. Quello che era difficile prima di Internet, oggi non solo è possibile, ma necessario.
Tra le “hard skill” del giornalista post-industriale individuate da Anderson, Bell e Shirky ci sono: la specializzazione, la capacità di leggere e interpretare dati e statistiche, l’analisi dell’audience, la comprensione di metriche. Se i professionisti dell’informazione non affrontano questo passaggio il loro destino è segnato, chiosano gli autori.
Sembra insomma che l’idea secondo la quale il giornalista è sostanzialmente uno scrittore, un’immagine promossa soprattutto dal “nuovo giornalismo” di Tom Wolfe a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso, andrà fortemente ridimensionata. Non sarà facile. La percezione della vicinanza tra giornalisti e scrittori è diffusa e prevalente. Una testimonianza limitata ma a mio modo di vedere significativa di questo fatto è l’esame d’ingresso ai nostri Master alla Sissa. Quando chiediamo ai candidati perché vorrebbero entrare a far parte della nostra scuola di comunicazione e giornalismo scientifico, moltissimi rispondono: “perché mi piace scrivere”. Niente di male, ma sarebbe forse un segno dei tempi se qualcuno nei prossimi anni iniziasse a dire: “perché mi intrigano le metriche”.

Tag:, ,

Recensione – Il testo digitale

Da una parte il libro, come oggetto, merce, rappresentazione della realtà, cultura, punto di raccordo delle comunità, ma soprattutto luogo d’elezione incontrastato della lettura e della scrittura fino a quando a farla da padrone era la carta. Dall’altra il testo digitale, sempre più libero dai vincoli dei supporti materiali, sempre meno confrontabile con la pagina stampata.
Nel suo saggio pubblicato da Apogeo nel 2010, Alessandra Anichini descrive la fine di una coincidenza data per scontata per gli abitanti del mondo pre-digitale, un’identificazione tanto invisibile quanto efficace: quella fra libro cartaceo e testo, fra libro di carta e lettura.
Con stile semplice, approccio storico e numerosi esempi, in sette capitoli ben concepiti e accessibili a tutti, la ricercatrice dell’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica, svela un vaso di Pandora.
L’epoca digitale ci regala processi di lettura e scrittura che si allargano, si espandono, “aumentano” e infine si trasformano. E così scopriamo che il libro è molto di più del suo supporto e che la sua sopravvivenza non è messa in discussione se si riesce, come stanno facendo gli editori più avveduti, ad astrarne e preservarne le qualità tradizionali abilitando allo stesso tempo nuove possibilità.
Le tecnologie digitali ci permettono, come spesso accade per le innovazioni legate a Internet e derivati, percorsi che probabilmente avremmo da sempre voluto esplorare e praticare, se solo avessimo potuto. Non mancano nella storia dell’editoria, ad esempio, esperimenti di condivisione e ampliamenti dei testi simili a quelli resi possibili oggi, con poco sforzo, dagli ereader. Fino ad ora si era trattato però di esperienze limitate, faticose, costose, per esigenze specifiche. Il libro cartaceo ci sembrava il migliore dei mondi possibili, da leggere e da scrivere. Alessandra Anichini ci mostra che non è così, con argomenti fondati e comprensibili, mettendoci al riparo dalle suggestioni del marketing e portando anche i lettori di carta più tenaci a confrontarsi e mettersi in discussione di fronte a ebook, ereader, etext.
Suggerisco la lettura di questo saggio anche perché fa riflettere, in un’ultima analisi, sul rapporto tra tempo e conoscenza e sullo sforzo dell’uomo per rendere questa relazione significativa, inserita in un percorso di senso mediato dalla tecnologia editoriale, che da una parte non si trasformi in ossessione per il sapere, dall’altra non ceda alle sirene del disincanto dell’ignoranza.

Tag:, ,

Il nuovo libro di Sergio Maistrello in formato ebook

Voglio invitarvi a leggere l’ultimo libro di Sergio Maistrello, Io editore, tu rete, ma prima devo dichiarare un conflitto d’interessi. Conosco Sergio, è docente a entrambi i Master di cui sono condirettore alla Sissa, ne apprezzo la capacità divulgative e di analisi.
Detto questo, se vi interessa il rapporto tra editoria, giornalismo e rete, non posso che consigliarvi il suo ultimo volume, pubblicato di recente in formato ebook da Apogeo.
L’obiettivo di Sergio è mostrare che ci troviamo in un momento straordinario per la produzione e la circolazione della conoscenza. La rete è una grande opportunità per i produttori di contenuti, che si tratti di editori professionali o di blogger amatoriali. Per capire fino in fondo come possiamo sfruttare le potenzialità dell’ecosistema comunicativo focalizzato sul web dobbiamo avere il coraggio, l’intraprendenza, la visionarietà, la voglia di sperimentare degli esploratori di nuovi continenti.
Io editore, tu rete è una guida chiara e utile non solo per viaggiare nel mondo digitale ma anche per imparare ad abitarci stabilmente, con profitto e soddisfazione.
È possibile che qualche lettore esperto ritrovi concetti acquisiti. Non credo che il volume si rivolga principalmente a loro. I destinatari sono piuttosto coloro che hanno bisogno di prendere dimestichezza con le grammatiche della rete ed acquisire piena consapevolezza delle caratteristiche dell’ambiente in cui possono, allo stesso tempo, pubblicare, condividere e consumare contenuti. Da questo punto di vista il volume di Maistrello è un ottimo esempio di divulgazione e ancor di più di sintesi. Anche chi è più avvezzo alle problematiche dell’editoria digitale potrà comunque beneficiare del lavoro di ordine e di contestualizzazione fatto da Sergio nella più ampia cornice della nuova economia della conoscenza.

Tag:,

Cosa serve per scrivere e vendere un libro di popular science

La sezione Books&Art di nature sta dedicando un web focus al tema “Come si scrive un libro di scienza”. Per cinque numeri Nature intervista degli esperti in diversi ambiti editoriali. Uno dei contributi è un colloquio con Carl Zimmer, uno dei maggiori scrittori di libri di scienza popolare attualmente in circolazione.
Tra i suoi successi, Soul Made Flesh, sulla storia della scoperta del cervello.
Secondo Zimmer una proposta per un libro che convinca un editore deve essere scritto come un articolo per un magazine. Deve coinvolgere ed eccitare il lettore. Deve spiegare all’editore perché dovrebbe pubblicare un libro su quel tema, perché quel tema è importante, come si paragona ad altri libri e perché chi scrive è l’autore giusto.
Detto questo cos’è che fa davvero la differenza? Un buon agente, dice Zimmer. Senza un buon agente è molto difficile addentrarsi e navigare nel mondo dell’editoria, con i suoi riti e la sua cultura.

Tag:,

Il futuro dell’editoria secondo Jason Epstein

Dal New York Review of Books che sarà in “edicola” il prossimo marzo, un articolo del cofondatore della rivista, Jason Epstein, sul futuro dell’editoria.
I cambiamenti dovuti alla digitalizzazione sono di ordini di grandezza superiori all’invenzione della stampa di Gutemberg, sostiene Epstein. La resistenza al cambiamento degli editori tradizionali è dovuta alla paura di scomparire e alla complessità dei cambiamenti che li attendono. La rivoluzione comunque ci sarà, con o senza la collaborazione degli editori.
La digitalizzazione aprirà anche nuove problematiche sul piano morale. Amplificherà la natura migliore degli esseri umani, ma anche l’opposto, la natura diabolica.
Epstein fa inoltre un appello per salvare le backlist, la lista dei libri più vecchi stampati da un editore, che a causa dell’esigenze di un mercato che vuole un turn-over di titoli sempre più rapido si stanno erodendo. Le backlist collettive sono la nostra memoria culturale, scrive Epstein. Senza di esse la nostra cività collasserebbe.

Tag:, ,