Archive for the ‘Formazione’ Category

Insegnare giornalismo: come andare oltre

“Se il futuro del giornalismo è digital-first anche la formazione deve muoversi nella stessa direzione”

Screen_Shot_2015-02-19_at_9.16.37_AM La strategia del digital-first deve valere anche per le scuole di giornalismo se vogliono continuare ad avere un senso. È forse la raccomandazione più rilevante del report Above & Beyond. Looking for the Future of Journalism Education, pubblicato qualche settimana fa dalla Knight Foundation. L’autrice Dianne Lynch, attualmente presidente dello Stephens College, con un’esperienza di formatrice più che ventennale alle spalle, ha trascorso dieci mesi con professionisti, studenti, accademici sparsi sull’intero territorio americano per discutere del futuro dell’insegnamento nel giornalismo.

Il risultato è un report che, pur rispecchiando il panorama statunitense, offre spunti rilevanti anche per chi si occupa di formare professionisti dell’informazione in italia e in Europa. Lynch ha posto l’orizzonte temporale del rinnovamento delle scuole di giornalismo a dieci anni. Da qui al 2025 bisognerebbe muoversi secondo tre direttrici fondamentali:

1. Creare scuole di giornalismo digital-first

Non ha più senso strutturare programmi in cui, a un certo punto, il web viene aggiunto a quello che si insegnava in passato. I corsi su Internet e dintorni non possono arrivare dopo un presunto percorso lineare che va dalla carta ai social media. Una strategia formativa di questo tipo rispecchia una fuorviante prospettiva evolutiva perché l’ambiente naturale del professionista dell’informazione è ormai l’ecosistema digitale. Questo implica che, da una parte, i corsi tradizionali (reporting, newswriting, deontologia, ecc.) si devono modellare attorno a esso, e non il viceversa. Dall’altra, le scuole devono essere in grado di trasferire le competenze necessarie agli allievi perché diventino nodi attivi della rete. E se non si dispone dei docenti adatti è meglio prenderne consapevolezza e agire di conseguenza, invece che provare a insegnare ciò che non si conosce.

2. Integrare insegnamenti accademici con corsi professionalizzanti

Qui l’autrice tocca il punto delicato dei limiti intrensici dell’accademia. Le rigidità universitarie non si addicono all’innovazione, e non solo nell’insegnamento giornalistico. Eppure l’ambiente accademico offre ancora dei vantaggi difficili da trovare altrove. Bisogna allora produrre la migliore sintesi possibile tra l’archittettura formativa tradizionale, solida ma rigida, e la dinamicità dell’ecosistema mediale digitale, vivace ma lontano dall’equilibrio. Dianne Lynch propone un sistema di revisione e monitoraggio continuo dei corsi attraverso organi di governance aperti a professionisti esterni, più altre misure replicate ad esempio dalla formazione specialistica in medicina.

3. Richiedere sistemi di accreditamento in grado di valutare gli esiti professionali più che la solidità istituzionale

È sempre più vitale che le scuole di giornalismo si facciano valutare. Un obiettivo ambizioso se si considera che negli Stati Uniti la percentuale di programmi formativi di giornalismo accreditati non arriva al 25 per cento. L’universo digitale richiede inoltre un ulteriore passaggio. Gli standard di accreditamento attuali si focalizzano infatti in gran parte sui processi interni e sulle strutture accademiche, molto meno sugli esiti professionali e sulla capacità di sapersi adattare ai cambiamenti. Anche in questo caso, la proposta dell’autrice è permettere l’ingresso a professionisti esterni esperti di giornalismo digitale nei comitati di valutazione.

Il report di Dianne Lynch non fornisce indicazioni su specifici corsi o curricula da inserire nei programmi didattici. L’autrice sa bene, per esperienza personale, che qualunque proposta di cambiamento deve fare i conti con risorse limitate e resistenze di varia natura. L’aspetto più significativo del suo lavoro è piuttosto quello di offrire un modello possibile di strutture innovative nella formazione giornalistica, adattabili alle energie, alle capacità e alle visioni delle singole scuole. Per questo può essere utile anche per noi.

Tag:, , ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Il ruolo della formazione nella governance della scienza


Possono le scuole di comunicazione e di giornalismo scientifico dare un contributo alla democratizzazione della scienza? Possono favorire processi partecipativi su questioni tecnoscientifiche socialmente controverse? Possono essere un centro propulsivo di cittadinanza scientifica? Sono le questioni su cui sono stato stimolato a ragionare nell’ambito di una tavola rotonda prevista per venerdì prossimo a Perugia durante la due giorni del convegno Scienza, informazione e democrazia.
Dal mio punto di vista la risposta sintetica alle domande elencate è sì, a patto che la comunicazione della scienza sia agita come un bene pubblico e si metta al servizio delle comunità per favorire l’impegno civile. È un passaggio controverso, perché siamo ancora troppo abituati a formare studenti che salvaguardino le legittime, ma non esclusive, istanze degli scienziati.

È solo una preoccupazione accademica?

Gli interrogativi posti, di primo acchitto, sono abbastanza distanti dalle preoccupazioni quotidiane di chi si occupa di formazione in comunicazione della scienza. Molto più usuale è che gli aspiranti allievi ti chiedano se troveranno lavoro. Per dare significati concreti alla discussione bisognerebbe mostrare che la definizione di uno spazio originale di innovazione democratica per le scuole porta all’acquisizione di competenze spendibili sul mercato del lavoro.

Perché bisognerebbe promuovere la cittadinanza scientifica?

C’è però una questione preliminare da sciogliere. Siamo proprio sicuri che il coinvolgimento pubblico su questioni di scienza e tecnologia sia una cosa buona? Perché (e dovremmo chiedercelo prima del come) dovremmo formare persone in grado di facilitare processi di partecipazione su decisioni che richiedono elevate competenze tecnico-scientifiche? Siamo convinti che in tal modo si prenderebbero le decisioni migliori? All’inizio di quest’anno la rivista Public Understanding of Science (PUS) ha dedicato un numero speciale a questi interrogativi. Dopo vent’anni di teorie e pratiche su quello che gli anglossassoni chiamano public engagement of science, autori celebri nel settore, come Brian Wynne, Alan Irwin, Helga Novotny e soprattutto Sheila Jasanoff, si sono chiesti a che punto siamo, dove stiamo andando e perché bisognerebbe continuare a sostenere modelli dialogici nella comunicazione della scienza.

Limiti e potenzialità del dialogo

Gli autori elencati sono tutti d’accordo nel ritenere che non tutte le promesse sono state mantenute. Le pratiche di dialogo tra scienza e società a partire dagli anni ’90 del secolo scorso si sono focalizzate su esperimenti limitati sia nel numero di partecipanti che nell’impatto concreto sulle policy. In più si sono istituzionalizzate. Da una parte si è perso quindi di vista l’obiettivo politico più ampio: quello di una governance dialogica globale della scienza, non riducibile a singole attività dagli esiti politici incerti e modesti. Dall’altra le istituzioni hanno proceduralizzato gli esercizi di dialogo per inserirli in una più vasta strategia di rassicurazione, significativamente distante da una reale apertura democratica.

Occorre cambiare le idee su scienza e pubblici

Diversi studiosi dello special issue del PUS condividono il fatto che se si vuole ridare slancio alla partecipazione bisogna riaprire le idee sui pubblici e sulla scienza.
In ormai quasi trent’anni di critica al modello top-down, è stato relativamente facile convincere gli scienziati che bisognava passare dal monologo alla conversazione. Molto più complicato è stato persuadere gli esperti che il problema non è il pubblico. Nei fatti la stragrande maggioranza delle istituzioni pratica il dialogo come uno strumento più sofisticato rispetto al passato, ma pur sempre finalizzato a mantenere inalterate le strutture di potere e le distanze fra chi sa e chi non sa.
Ma la partecipazione ha un senso solo se apre il processo decisionale ad altre voci, ad altri saperi, ad altre visioni, non se si interrompe il processo quando la discussione diventa scomoda. Aprire il processo decisionale vuol dire generare nuove conversazioni e soluzioni, significa rendere concreta la pratica della cittadinanza scientifica.

I costi della partecipazione

Tutto questo è costoso in termini di tempo e di risorse ed è soprattutto rischioso sul piano politico, perché può portare in direzioni inattese proprio per le organizzazioni che promuovono il dialogo. Il paradosso è che i benefici maggiori alla democrazia possono rappresentare gli aspetti più sgradevoli per le istituzioni.
Si è disposti ad accettare questo rischio se si ha fiducia che la partecipazione sia il metodo privilegiato per definire le scelte migliori o, più probabilmente, il meno peggio per tutti. Il dialogo può funzionare se i pubblici di non-esperti vengono considerati dei partner comunicativi con cui negoziare interessi e prospettive anche molto differenti tra di loro. Se viceversa l’idea di fondo rimane di trattare i pubblici come target da persuadere o rassicurare, in altre parole se le pratiche di coinvolgimento continuano a rispecchiare le assunzioni del modello di deficit, rimane forte la tentazione di chiudere il processo di discussione quando diventa sconveniente.

Pubblici issue-oriented

Come scrive Jasanoff, è sempre più chiaro, diversamente dalle schematizzazioni deficitarie, che i pubblici non sono realtà pre-esistenti e statiche rispetto alla scienza e alla tecnologia. I pubblici della scienza sono issue-oriented, vale a dire che essi si formano rispetto a problemi specifici che contano di più di variabili socio-demografiche e culturali: i pubblici vogliono entrare nell’arena politica perché desiderano partecipare al governo del futuro.
In parallelo alla riconsiderazione dei pubblici della scienza vanno approfondite le ragioni per cui gli scienziati continuano a rappresentarsi sotto assedio, nonostante la ricerca sociale da anni mostri che non è così. La persistenza di un’immagine della scienza poco apprezzata e poco considerata condiziona l’impostazione e la visione degli approcci dialogici.

Benefici per la democrazia, ma per la scienza?

Le conseguenze inattese e lo sviluppo di “intelligenza sociale” rappresentano certamente un beneficio per la democrazia (tenendo sempre a mente che la democrazia ci permette di individuare decisioni senza ricorrere alla violenza – ed è tanto – ma non ci consente necessariamente di trovare la scelta giusta in sé).
Ma cosa ci guadagna la scienza in tutto questo? Cosa ci guadagnano gli esperti a essere messi in discussione?
Certamente poco se lo scopo rimane la rassicurazione sociale, molto di più se gli obiettivi diventano la riflessività istituzionale e soprattutto l’aumento del capitale di fiducia sociale, la questione che a mio modo di vedere rappresenta la posta in gioco più importante nei rapporti tra scienza e società. Perché in fondo la domanda su cui i cittadini si interrogano più insistentemente di fronte all’innovazione tecnoscientifica e ai conflitti che ne scaturiscono è: di chi mi posso fidare?
Per le istituzioni, aprirsi a un dialogo vero significherebbe muoversi nella giusta direzione per essere sempre di più degli interlocutori credibili e attendibili, prim’ancora di essere dei centri di sapere comprensibili.
Difficilmente tali obiettivi possono essere raggiunti puntando a singoli e sporadici eventi di partecipazione, per di più poco coerenti con una visione di governance globale della scienza. Se però le istituzioni accettano davvero il rischio democratico allora si può forse prospettare un ruolo anche per le scuole di comunicazione della scienza.

Cosa possono fare le scuole per la cittadinanza scientifica

Non c’è dubbio che in un periodo di trasformazione come quello attuale è nostra responsabilità di formatori studiare percorsi didattici che puntino all’internazionalizzazione, all’innovazione, all’universo digitale, ai modelli economici. Non bisogna però perdere di vista il perno imprescindibile attorno a cui ruota qualunque attività di comunicazione: lavorare in funzione del pubblico.
Se crediamo di dover formare persone che favoriscano la democratizzazione della scienza, allora bisogna insegnare ai nostri studenti come organizzare l’informazione scientifica per promuovere l’impegno civile.
I nostri studenti devono acquisire le competenze tecniche e culturali per entrare nelle comunità, imparare a viverle, a capirle e a raccontarle. Dobbiamo formare studenti in grado di aiutare le istituzioni scientifiche ad abbracciare una visione più ampia dei rapporti tra scienza e società. Dobbiamo addestrare allievi in grado di ideare progetti innovativi di interazione tra media, esperti e politici. Dobbiamo pensare a figure di facilitatori che agiscano per far aumentare la consapevolezza dei diritti e dei doveri della cittadinanza scientifica nei media locali, nelle scuole, nelle piccole e medie imprese.
In ultima analisi dobbiamo far diventare le nostre scuole dei centri vivi nelle comunità, dobbiamo studiare percorsi formativi che permettano ai nostri allievi non solo di contribuire all’aumento dell’intelligenza collettiva, ma anche, come ribadisce ancora Jasanoff, di soddisfare un desiderio altrettanto legittimo: quello di partecipare al governo del futuro abilitato dalla scienza e della tecnologia. Troppo spesso i nostri insegnamenti si sono limitati al primo punto. La democratizzazione della scienza richiede di esplorare soprattutto il secondo.

Tag:, , ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Il ruolo della conoscenza nella formazione giornalistica

Il progetto Journalist’s Resource dell’Harvard’s Sorenstein Center ha recentemente redatto una lista aggiornata di pubblicazioni di qualità dedicate alla formazione nel giornalismo. Le risorse comprendono articoli e report di natura teorica, ma anche analisi empiriche sull’industria della notizia.
Come è noto, il sistema dell’informazione è in una fase di grande trasformazione e, forse, tra gli effetti sottovalutati del cambiamento vanno annoverate le ripercussioni sui tradizionali curricula delle scuole di giornalismo, che sembrano armi educative sempre più spuntate. Sebbene le preoccupazioni su qual è la migliore formazione da offrire ai nuovi giornalisti riguardi soprattutto i coordinatori e i responsabili di corsi di formazione, dare un’occhiata alla lista del Journalist’s Resource in generale può essere istruttivo anche per avere un’idea delle tendenze più interessanti in circolazione sul giornalismo.
Particolarmente significativi per la riflessione che conduciamo al Master della Sissa dove lavoro sono i riferimenti al giornalismo basato sulla conoscenza. Su tutti segnalo il libro Informing the News: The need for Knowledge-Based Journalism, pubblicato lo scorso ottobre dalla casa editrice Vintage e scritto da Tom Patterson, direttore di Journalist’s Resource. Patterson sostiene che la via maestra per ridare un significato sociale imprenscindibile all’informazione professionale è insegnare ai giornalisti ad usare la conoscenza.
L’autore si muove in una direzione inagurata già da Philip Mayer negli anni ’70 del secolo scorso, quando nel libro Precision Journalism, tradotto solo nel 2006 in Italia col titolo Giornalismo e metodo scientifico, proponeva di trattare il giornalismo come una scienza.
Il progetto di Mayer ha avuto fortune alterne, ma oggi ci sarebbero più possibilità di successo per il giornalismo di precisione per due ragioni. La prima è per il ruolo assunto dalla conoscenza nella teoria sociale e nelle strategie economiche. Il secondo motivo è internet. Le tecnologie digitali e di rete, sostiene Patterson, renderebbe realizzabile la visione di Meyer: basare la presentazione delle notizie sull’esercizio delle “massime virtù scientifiche”, per dirla alla Walter Lippman, che si esprimeva già in questi termini negli anni ’20 del Novecento nel volume Liberty and the News.
L’invito a una professionalizzare del giornalismo nel senso di un uso approfondito della conoscenza mi trova molto d’accordo. Così come condivido le premesse di fondo di Patterson, vale a dire che il problema dell’abbassamento della qualità delle news richiede un’innovazione di concetti e pratiche giornalistiche basata sulla riattualizzazione delle funzioni sociali dei professionisti dell’informazione. Tra queste vale la pena ricordare la capacità di validare e distinguere ciò che è rilevante per una comunità da ciò che non lo è, l’attendibilità nel fornire notizie che rappresentino la base di una realtà condivisa, la necessità di istituzioni editoriali di cui fidarsi. Il recupero passerebbe per un nuovo modo dei giornalisti di rapportarsi con il sapere.
Il ragionamento è abbastanza lineare anche se, a mio modo di vedere, lascia margini di approfondimento su almeno tre questioni: di quale conoscenza hanno bisogno i giornalisti? Quali sono i rapporti tra la conoscenza di cui parla Patterson e la scienza? Quali sono le competenze da insegnare eventualmente nei percorsi formativi?

Rispetto alla prima questione, è opportuno premettere che nei ragionamenti di Patterson, e parzialmente di Meyer, si sovrappongono piani differenti, usando ad esempio come termini intercambiabili la conoscenza accademica in ambito umanistico e sociologico con la conoscenza scientifica, oppure la conoscenza dei processi con quella dei contenuti.
Per maggiore chiarezza è forse utile isolare le diverse dimensioni in cui si esprime il problema della conoscenza dei giornalisti. Si possono identificare almeno quattro aree:

1) Il giornalismo ha un problema disciplinare, nel senso che non è un corpo sistematico di pratiche e concetti universalmente condivisi attraverso i quali si riescano a stabilire le unità minime di conoscenza necessarie e sufficienti per essere definiti giornalisti. La questione è controversa perché esistono migliaia di scuole di giornalismo nel mondo, basate però evidentemente su un fragile terreno epistemologico e quindi curriculare. Specchio di quest’indeterminatezza è il ricorrente conflitto tra “pratici” (il giornalismo è quello che fai in una redazione) e “teorici” (il giornalismo è caratterizzato da modelli, problemi e dinamiche specifiche che vanno studiate), una diatriba che difficilmente qualcuno porrebbe oggi per la medicina, la giurisprudenza o la fisica;

2) I giornalisti hanno un problema di conoscenza nel senso che non sanno e non possono sapere in profondità quello di cui raccontano. Un altro modo di dirlo è che i giornalisti sono esperti precari, esperti a tempo. È una problematica generalizzata. Che si tratti di politica, istituzioni, scienza, sport, la conoscenza dei diretti interessati su fatti specifici sarà sempre più approfondita rispetto a quella di un cronista che deve coprire temi diversi, seppur all’interno di un ambito specifico. Il paradosso non è nuovo ma è sempre attuale: se il giornalismo è ricerca di una forma di verità, come si potrà soddisfare quest’obiettivo visto che i professionisti dell’informazione non possiedono quasi mai il livello di conoscenza degli esperti protagonisti delle notizie che i giornalisti devono raccontare?

3) Il giornalisti hanno un problema di conoscenza rispetto al metodo: pochi riescono a spiegare come fanno a sapere quello che sanno o perché una procedura di individuazione ed esposizione dei fatti è più efficace giornalisticamente rispetto a un’altra. Ma soprattutto non c’è un metodo condiviso che permetta di affermare che se si seguono determinati passaggi nella ricostruzione degli accadimenti si arriva alla stessa rappresentazione della realtà;

4) I giornalisti non sanno come sfruttare pienamente la conoscenza disponibile nelle università, nei centri di ricerca, nelle biblioteche. Questo potrebbe essere definito come un problema di applicazione della conoscenza.

La distinzione proposta aiuta a comprendere se e come la scienza può essere utile nell’affermazione del giornalismo basato sulla conoscenza.
La conoscenza scientifica può fornire un modello a cui tendere e un campo su cui interrogarsi per almeno tre motivi: per la tipologia e la qualità dei contenuti, per il metodo usato nella loro produzione e perché mostra molto efficacemente come cambiano le dinamiche di accesso, distribuzione e utilizzo del sapere in epoca digitale (si veda ad esempio La stanza intelligente di David Weinberger).
Voglio sottolineare quest’ultimo punto perché si distingue molto dalla visione statica a cui si richiamano Meyer e Patterson. Il mese scorso ha suscitato una forte discussione, fra addetti ai lavori e non, una cover story dell’Economist dedicata ai limiti dei meccanismi attuali di validazione e replicabilità della ricerca e al conseguente abbassamento complessivo della qualità della conoscenza scientifica. Allo stesso tempo, come riporta Gary Marcus sul New Yorker sono diverse le iniziative che la comunità degli scienziati sta mettendo in campo per affrontare alcuni dei problemi posti dal giornale britannico. Insomma, grazie o a causa dei media digitali, stiamo capendo che la conoscenza in generale, e quella scientifica in particolare, è una materia molto più calda e fluida di quanto siamo stati abituati a pensare in epoca pre-internet.
Se si vuole fondare un giornalismo in grado di inserire la conoscenza in contesti specifici per fornire un valore aggiunto di analisi e interpretazione dei fatti, allora è bene che i futuri professionisti siano in grado di capire e spiegare come evolve la conoscenza, come risponde ai cambiamenti sociali e come, viceversa, contribusice a plasmare la società. Tra i compiti dei formatori ci dovrà allora essere quello di insegnare ai giornalisti come comprendere le logiche di accesso, produzione e distribuzione del sapere. La conoscenza scientifica è un modello rilevante per questo scopo perché è l’ambito in cui si stanno realizzando le sperimentazioni più interessanti.

Queste ultime considerazioni mi portano alla questione delle competenze. Wolfgang Donsbach, direttore del Department of Communication alla Dresden University of Technology in Germania, in un paper pubblicato da poco sulla rivista Journalism, ha elencato alcune delle qualità specifiche che dovrebbero caratterizzare un giornalista della conoscenza:

1) Competenza generali: i giornalisti devono avere la capacità di inserire la conoscenza nei contesti in cui accadono i fatti e possedere una prospettiva intellettuale di ampio respiro per prendere decisioni fondate;

2) Competenza su specifici argomenti: i giornalisti devono riuscire a raggiungere un livello di conoscenza del settore di cui si occupano sufficientemente profondo a comprendere la struttura del campo di loro interesse e a produrre una mappa degli attori principali;

3) Competenza sui processi: i giornalisti dovrebbero avere una conoscenza scientifica del processo di costruzione delle notizie e dei processi di comunicazione, dai fattori che influenzano le decisioni su come trattare le notizie ai possibili effetti sull’audience o al ruolo dei social media nell’esposizione delle informazioni;

4) Competenze tecniche;

5) Valori professionali, dove si fa riferimento al fatto che andrebbero insegnati il ruolo sociale dei giornalisti e le norme che guidano i loro comportamenti.

Come si può notare, in questa lista non si fa cenno alla comprensione e all’uso della conoscenza nel senso descritto sopra.

C’è infine un altro aspetto da considerare, a cui fa cenno anche Donsbach: una volta formati i giornalisti della conoscenza verrebbero assunti in una redazione o riuscirebbero a sbarcare il lunario come free-lance? La percezione è che le (poche) richieste di mercato in questo periodo vadano in una direzione opposta a quella proposta in questo post. Molto più valorizzate sembrano le abilità e le esperienze di tipo pratico e tecnico. Credo che la qualità e l’innovazione nel senso della conoscenza paghino molto sul lungo periodo, ma, come formatori, non ci possiamo permettere di trascurare il problema dell’occupazione a breve termine.

Tag:, , ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Rapporto tra teoria e pratica nella formazione giornalistica

È un argomento su cui ho avuto vivaci discussioni: a cosa serve la ricerca e la teoria per i futuri giornalisti? La questione è fondamentale per chi, come me, si occupa professionalmente di formazione in questo settore. Io sono schierato a favore della teoria. Inutile sottolineare che i giornalisti guardano spesso con scetticismo la mia enfasi sulle analisi accademiche del loro lavoro. Mi ascoltano ma poi ho sempre il sospetto che pensino: “va be’, lasciamolo fare, tanto poi…”, “è la pratica che conta”, “hai mai visto un caposervizio che si alambicca sull’agenda-setting o sul modo 2 dei rapporti tra scienza e società?”, “ma mandami il pezzo”, ecc.
L’esplorazione dello scomodo territorio fra formazione e studi sul giornalismo è affrontata in questo articolo sul numero di Dicembre 2011 di Journalism. L’autore, Tony Harcup, suggerisce di superare le divisioni tra “professori della pratica” e “professori della ricerca”. La soluzione auspicata è che giornalisti ed ex-giornalisti passati all’insegnamento si occupino di ricerca. Sono d’accordo, soprattutto perché ci troviamo in un periodo storico in cui è necessaria una nuova teoria su ruoli e funzioni del giornalista. Ci sono sempre più informazioni e sempre più difficoltà a trovarci un senso, un filo rosso intellegibile e condiviso collettivamente. Abbiamo sempre meno bisogno di qualcuno che porti le notizie dalle fonti al pubblico. Abbiamo sempre più bisogno di qualcuno che restituisca una prospettiva alla confusione. La pratica e la teoria si devono aiutare reciprocamente per capire cosa signifca “fare” e “insegnare” il giornalismo nei prossimi anni.

Tag:, ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Che cos’è la scienza

immagine da appuntidigitali.it

Venerdì scorso ho proposto ai miei studenti del primo anno del Master della Sissa di associare un concetto, un’emozione, un colore, un fiore alla parola scienza, senza pensarci troppo.
È venuta fuori una rappresentazione rispettosa e ottimistica della ricerca, incentrata soprattutto sui fattori intellettuali del processo di scoperta (creatività, futuro, rigore, progresso, ecc.). Continuo il gioco proponendo altre possibilità. La scienza è:

-motore economico;
-anarchia;
-cambiamento sociale;
-senso comune;
-sviluppo tecnologico;
-materialismo;
-esoterismo;
-artigianato;
-meraviglia;
-filosofia;
-pericolo;
-benessere;
-globalizzazione;
-politica;
-rischio.

Sono alcuni dei significati che storicamente sono stati associati alla scienza in diversi contesti politico-culturali e in momenti differenti. La lista può continuare a lungo e se vi diverte potete aggiungere proposte. L’aspetto importante è che ogni immagine della scienza determina strategie e necessità comunicative che non coincidono necessariamente con la modalità divulgativa.

Tag:

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Formare comunicatori scientifici nei paesi in via di sviluppo

Ha preso il via oggi all’ICTP (International Centre for Theoretical Physics) di Trieste un workshop di cinque giorni dal titolo “Science Communication in Developing Countries: Bridging the Gap between Science, Policy and the General Public”. Sono tra gli organizzatori dell’evento. Il programma finale è disponibile qui.
Stamattina ho chiesto ai partecipanti di descrivere le motivazioni della loro partecipazione al workshop. Ho sentito un gran bisogno di portarsi a casa qualcosa di utile per il loro paese, dal Ghana all’India, da Cuba al Pakistan. C’è una forte consapevolezza dell’importanza della comunicazione della scienza e della difficoltà di agire in contesti culturali diversi. Ci sono anche molte aspettative nei confronti della tradizione e delle esperienze europee e americane in questo campo.

Tag:, ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Materiali per corso di formazione

Sul sito dell’Ass1 triestina sono disponibili da pochi giorni programmi e presentazioni del corso “Comunicazione della scienza in ambito sanitario”. Ne avevo già parlatoqui.

Tag:,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Uniti per comunicare la salute

Questo pomeriggio, con alcuni miei colleghi, abbiamo portato a termine un corso di comunicazione della scienza rivolto ad operatori sanitari del Friuli Venezia Giulia. Si è trattato di dodici lezioni in cui abbiamo affrontato diversi aspetti dei processi di circolazione e diffusione della conoscenza medico-scientifica in un ampio spettro di contesti mediatici: da quelli tradizionali ai nuovi media, fino ai meccanismi di partecipazione e deliberazione nell’ambito della tecnoscienza. È stata un’esperienza molto formativa anche per noi. Emerge con chiarezza il bisogno fortissimo delle strutture e degli operatori della salute di presentarsi come un soggetto comunicativo visibile, coeso e coerente, soprattutto nelle situazioni d’emergenza. La frammentazione indebolisce la presenza e l’incisività delle autorità sanitarie in un ecosistema comunicativo sempre più articolato. La strada per arrivare all’obiettivo è lunga e incerta, ma non manca la consapevolezza e questo è già un buon segno.

Tag:,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Manuale su giornalismo 2.0

Circolano i rete i primi manuali sul giornalismo 2.0 Quello che vi segnalo è in realtà del 2007, ma tant’è. L’ha scritto Mark Briggs per iniziativa del J-Lab e del Knight Citizen News Network.

Tag:, ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Un altro manuale per gli scienziati che vogliono/debbono comunicare

Am I Making Myself Clear? è un libro pubblicato da poco della Harvard University Press indirizzato agli scienziati che vogliono migliorare le loro capacità comunicative. La logica con cui sembra impostato è quella solita del conflitto tra scienza e media: i ricercatori devono correre al riparo dalle distorsioni di radio, tv, internet, ecc. altrimenti sono guai. Nella presentazione ci si ripromette in realtà di servire gli interessi del rapporto tra “scienza e società”. Vedremo…

Tag:,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter