Meno giornali, meno democrazia*

L'ultima prima pagina cartacea del Seattle P-I

Quando chiude un giornale cartaceo si partecipa meno alla vita pubblica, diminuisce il coinvolgimento civico e si abbassa la qualità della democrazia. Sono i risultati di una ricerca americana pubblicata recentemente sulla rivista Political Communication con lo scopo di quantificare l’impatto sociale del declino della carta stampata.
Il costante arretramento dei quotidiani cartacei nei paesi più industrializzati è ben documentato. Il report The future of News and Internet, realizzato nel 2010 dall’Ocse, sanciva in modo inequivocabile la diminuzione dei lettori di giornali nella gran parte dei paesi sviluppati, con punte negative particolarmente significative per la stampa locale e regionale in Gran Bretagna, Stati Uniti, Italia, Grecia, Canada e Spagna.
Da anni molti analisti dei media sostengono che dovremmo preoccuparcene perché, al di là degli aspetti economici della questione, il giornalismo idealmente assolve, come è noto, due funzioni basilari per la democrazia: è strumento di controllo del potere ed è uno spazio pubblico crocevia di relazioni sociali, in particolar modo per le comunità locali. Sono considerazioni sentite ormai mille volte, ma fino ad ora non si disponeva di molti dati per smentirle o confermarle.
È sulla base di queste lacune che Lee Shaker, sociologo dei media dell’Università di Portland ha cercato di misurare i cambiamenti nel coinvolgimento civico dei cittadini americani tra il 2008 e il 2009 in diciotto tra le maggiori aree metropolitane degli Stati Uniti. Le città in cui si è registrato l’abbassamento più significativo del livello di partecipazione alla vita pubblica sono risultate Denver e Seattle, dove tra il 2006 e il 2008 sono state sospese le pubblicazioni di due importanti quotidiani cartacei.
Per arrivare a queste conclusioni Shaker ha analizzato i dati della Current Population Survey, indagine statistica periodica sull’occupazione negli Stati Uniti, che include indicatori misurabili di coinvolgimento civico, come l’acquisto o il boicottaggio di prodotti e servizi di aziende con comportamenti ritenuti scorretti o la partecipazione a gruppi, commissioni e organizzazioni di utilità sociale. Dopo aver isolato l’impatto della chiusura dei giornali da altre variabili, Shaker ha verificato che il declino civico registrato a Denver e a Seattle non si è replicato nelle altre città prese in esame e in cui, nello stesso periodo di tempo, le pubblicazioni dei quotidiani cartacei sono continuate regolarmente.
Si tratta di effetti negativi a breve termine che certamente meritano ulteriore approfondimento, ma che inseriscono elementi originali in un dibattito spesso polarizzato tra nostalgici della carta stampata e ottimisti della rete.
C’è sicuramente del vero quando si afferma che il giornale non è la sua carta e che le sue funzioni sociali possono essere non solo riprodotte ma decisamente ampliate grazie alle tecnologie connettive e digitali. Allo stesso tempo, come afferma Shaker nelle conclusioni del suo lavoro, “l’avvento di nuove opportunità di comunicazione suggerisce che si devono sviluppare anche nuove forme di coinvolgimento”. È proprio nella ricerca di rinnovati equilibri tra informazione e comunità democratiche sane che probabilmente i giornali cartacei continueranno a giocare una parte importante.

*Quest’articolo è stato pubblicato su Pagina99 week end del 22/23 marzo 2014. Lo riporto sul mio blog per loro gentile concessione.

Tag:, , , ,