Se fa male la cancello, il ritocco della memoria*

rimozione-ricordi-dolorosi “Grazie a questi studi un giorno potremo liberarci per sempre delle nostre paure con una singola dose di farmaco”, ha scritto recentemente sul New York Times Richard Friedman, direttore della clinica psicofarmacologica della Weill Cornell Medicine negli Stati Uniti. Friedman fa riferimento ai lavori dell’olandese Merel Kindt, docente di psicologia clinica sperimentale all’Università di Amsterdam, la quale, come testimoniato in un ampio resoconto pubblicato agli inizi di maggio sulla rivista The New Republic, sta fornendo negli ultimi anni le prove scientifiche più rilevanti a sostegno di trattamenti farmacologici in grado di fronteggiare definitivamente traumi e brutti ricordi.

Mai più paura dei ragni per chi soffre di aracnofobia. Mai più paura dell’altezza per chi soffre di acrofobia. E così via. Fino a rendere innocui i ricordi dolorosi alla base delle sindromi post-traumatiche da stress e dei disturbi d’ansia. E tutto grazie alla somministrazione del propranololo, medicinale normalmente usato per trattare l’angina pectoris e l’ipertensione arteriosa. I risultati sui volontari umani hanno destato clamore per la loro apparente efficacia. Molti scienziati invitano però alla cautela, non solo perché i trattamenti sperimentati da Kindt e altri sono ancora lontani dall’entrare nella pratica clinica ordinaria, ma anche per gli interrogativi etici da essi sollevati.

Sta di fatto che, come spiega a pagina99 Andrea Lavazza, neuroeticista del Centro universitario internazionale di Arezzo e autore con Silvia Inglese di Manipolare la memoria. Scienza ed etica della rimozione dei ricordi (Mondadori Università), “al di là degli annunci a volte sensazionalistici, una frontiera è stata aperta e si tratta di una frontiera importante”.
“Tentativi di trattamento dei disturbi post-traumatici da stress (anche se allora non si chiamavano così)”, osserva Lavazza, “furono condotti dopo il primo conflitto mondiale: già allora era molto chiaro quanto i soldati potessero rimanere sconvolti dall’esperienza della guerra. All’epoca furono svi-luppati protocolli basati su terapie psicologiche. L’idea di manipolazione chimica della memoria è molto più recente e si basa sull’ipotesi che è possibile rendere i ricordi dolorosi meno disturbanti o addirittura di rimuoverli”.

Al filone di ricerca che privilegia la possibilità di diminuire l’intensità emotiva di un ricordo senza cancellarlo appartengono gli studi di Merel Kindt. La psicologa olandese e i suoi colleghi hanno usato il propranololo per alterare i cosiddetti processi di riconsolidamento di esperienze ad alta salienza emotiva in una fase in cui i ricordi a esse associati sono particolarmente labili. Contrariamente a quanto si è creduto per molti anni, la memoria a lungo termine potrebbe infatti non essere immutabile nel tempo. “Oggi abbiamo prove”, continua Lavazza, “che ogni qualvolta una traccia mnestica viene riattivata e portata alla consapevolezza, essa va incontro a un periodo di instabilità momentanea, durante la quale può essere rielaborata o modificata intervenendo opportunamente con mole-cole che interferiscono con i complessi processi neurobiologici implicati”.

Lavazza è tra coloro che mettono in guardia dai facili entusiasmi. “Per prima cosa”, afferma lo studioso, “bisogna ricordare che le ricerche di Kindt sono fatte in laboratorio su pochi volontari e per il momento non sono previste applicazione mediche. Inoltre, non c’è accordo nella comunità scienti-fica sulla capacità da parte di molecole come il propranololo di attenuare davvero la portata emozionale dei brutti ricordi.”

Tra le tecniche più attuali e promettenti finalizzate invece a rimuovere definitivamente eventi spia-cevoli del passato e non a renderli semplicemente più innocui, si possono segnalare l’uso di gas anestetici o di farmaci che, bloccando alcuni gruppi di proteine, potrebbero indebolire le connessioni cerebrali che si instaurano in seguito a un trauma. Un esempio significativo di quest’approccio è de-scritto in un articolo pubblicato su Science nel 2010 frutto del lavoro di un gruppo di neuroscienziati guidati da Richard Huganir, codirettore del Brain Science Institute alla Johns Hopkins University.

La frontiera nei tentativi di cancellare o modificare la struttura dei ricordi traumatici è infine rappresentata dall’optogenetica, un metodo d’avanguardia in grado di attivare e disattivare specifici neuroni modificati geneticamente usando solo un impulso di luce. Tra le tante sue applicazioni, l’optogenetica consente di identificare gli specifici circuiti neurali coinvolti nei meccanismi alla base della paura cronica.

Rimane da chiedersi se tutti questi sforzi siano accettabili sul piano etico. Secondo i critici, si corre il rischio di snaturare il concetto stesso di identità umana, basata essenzialmente sui ricordi, belli o brutti che siano. “Credo che nessuno scienziato abbia come suo obiettivo la cancellazione delle memorie”, precisa Lavazza. “Lo scopo primario è comprendere meglio il funzionamento del cervello e cercare di alleviare il dolore di persone che soffrono per traumi legati a brutti ricordi. Le manipolazioni chimiche ci danno una possibilità insperata di dimenticare specifici momenti della nostra vita, pur con forti limiti, anche teorici, legati al fatto che i nostri ricordi più importanti sono fortemente in-trecciati tra loro. Fino a poco tempo fa eravamo rassegnati al fatto che fosse impossibile manipola-re la memoria, che di ricordare in un certo senso ci ‘capitasse’. Oggi cominciamo a capire che può non essere così”.

*Il testo di quest’articolo è stato pubblicato sul periodico pagina99 il 25 giugno 2016.

Tag:, ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

la legge morale nei nostri neuroni*

legge morale neuroni Kathinka Evers è una filosofa svedese esperta di neuroscienze il cui percorso non è facilmente inseribile negli schemi della tradizione accademica. Partendo dalla logica e dalla fisica, il suo interesse si è successivamente allargato a una riflessione nella turbolenta zona di confine tra scienze del cervello, filosofia morale, etica e sociologia. Evers svolge un’influente attività di ricerca espressa recentemente in un articolo-manifesto pubblicato alla fine del 2015 sul magazine letterario 3:AM, simbolo della controcultura londinese degli anni Zero. Evers si muove sulla frontiera della cosiddetta neuroetica, giovane e controversa disciplina che da un lato indaga e riflette sulle implicazioni etiche e giuridiche della ricerca neuroscientifica, dall’altro mira a comprendere le basi cerebrali dei comportamenti morali. Il peso del punto di vista della filosofa svedese deriva dalla sua carica di codirettrice dello Human Brain Project (HBP), una delle più ambiziose iniziative di neuroscienze mai intraprese a livello mondiale. Selezionato dalla Commissione europea nel 2013 tra i due i due progetti “faro” su cui l’Unione ha deciso di investire più di un miliardo di euro fino al 2023, l’HBP ha lo scopo di simulare attraverso un supercomputer il funzionamento completo del cervello umano: un obiettivo scientifico e tecnologico mastodontico che fornisce allo stesso tempo un esempio concreto dei nodi attuali tra neuroscienze e filosofia.

“È abbastanza ovvio immaginarsi che tipo di interrogativi susciterà un cervello umano simulato, se mai verrà realizzato”, afferma la studiosa dell’Università di Uppsala. “Essi riguarderanno la sfera personale, sociale ed etica (ad esempio, se si decide di interrompere il funzionamento di un cervello simulato è possibile “ucciderlo” in un modo potenzialmente pertinente sul piano morale?)”. Per rispondere a queste domande entra in gioco la neuroetica, che avrebbe gli strumenti concettuali per disinnescare il rischio di trasformare gli ambiziosi progetti sul cervello in potenziali minacce e paure per gli individui e la collettività, presunte o reali che esse siano.

“In realtà”, come spiega a pagina99 Stefano Canali, filosofo delle neuroscienze alla Sissa (Scuola internazionale superiore di studi avanzati) di Trieste, “siamo ancora molto lontani dall’avere a disposizione cervelli sintetici. Le simulazioni dell’HBP potranno riguardare a breve meccanismi fisiologici precisi o specifici disturbi neurologici. Altra cosa è usare queste macchine per comprendere i comportamenti morali, come forse pretenderebbero alcuni fautori dello Human Brain Project”. Un’ambizione che si scontra con un nodo filosofico di fondo: il fatto che, continua Canali, “per realizzare le nostre esperienze coscienti e soprattutto mediare le azioni morali il cervello ha bisogno di un corpo e di poter interagire con altri individui, abitando e allo stesso tempo costruendo e modificando insieme ad essi uno spazio di simboli e valori”.

È un aspetto che il progetto europeo del supercomputer sottovaluterebbe, ma che rappresenta efficacemente la direzione in cui, secondo Evers e colleghi, dirigere più incisivamente gli sforzi di ricerca nei prossimi anni: verso la neuroscienza dell’etica, un’area dove i dati neurologici e la riflessione filosofica s’incontrano su temi fondamentali come il libero arbitrio, l’autonomia, l’autocontrollo, i processi decisionali, la responsabilità, il conflitto tra ragione ed emozione.

Quali sono le basi neuronali del nostro senso morale? Come funziona il nostro cervello quando eseguiamo atti che associamo alla libera scelta? Sono interrogativi che hanno trovato diritto di cittadinanza scientifica grazie agli impetuosi sviluppi delle neuroscienze degli ultimi decenni. “Gli studi sul cervello”, afferma Canali, ideatore e organizzatore di una scuola di formazione in neuroetica tra le poche attività strutturate in quest’ambito nel nostro paese, “hanno dimostrato che linguaggio, memoria, emozioni, percezioni, controllo volontario del comportamento sono sistemi funzionali semi-indipendenti tra di loro, seppur integrati. La dissoluzione dell’integrità dell’Io rende assai problematica l’indagine sulla natura e il funzionamento dell’agente morale. A quale parte della nostra mente dobbiamo attribuire la responsabilità morale? Ad esempio è possibile che una lesione o una malattia, ma anche eventi traumatici o stress protratti compromettano i sistemi cerebrali che permettono il controllo volontario del comportamento. In questo caso, gli altri apparati funzionali possono continuare a operare normalmente, compreso quello che media le reazioni emotive. Può così accadere che un comportamento impulsivo, violento o immorale, non venga frenato anche quando la persona riconosce la sua inappropriatezza e desidera inibirlo”. Non è difficile comprendere la complessità delle implicazioni etiche e giuridiche che emergono in queste situazioni.

Al di là di casi estremi, le neuroscienze attuali stanno dimostrando che gli eccessi di stimoli, i sovraccarichi di microscelte, il multitasking, sembrano erodere il controllo volontario del comportamento e le capacità empatiche, mettendo costantemente a rischio le nostre competenze morali. Si pensi ad esempio alle moltiplicazioni delle interazioni digitali, all’overload informativo sul web, alle sollecitazioni appettitive a cui siamo sottoposti nei corridoi di qualsiasi supermercato. Sono tutti processi che richiedono al cervello dosi cospicue di risorse computazionali e anche tempi congrui di elaborazione. Al contrario oggi è però richiesta una velocità di analisi che può interferire con le modalità con cui interpretiamo i segnali emotivi propri e altrui. Di conseguenza i sovraccarichi cognitivi possono farci agire in modo eticamente problematico: ad esempio non prestando aiuto a qualcuno in difficoltà, manifestando apertamente un pregiudizio, agendo in modo esclusivamente utilitaristico e con questo causando danno ad altri.

La neuroetica a questo proposito sottolinea come gli studi sperimentali stiano rivalutando in termini scientifici il peso della società nella responsabilità etica personale. A rinnovare profondamente e rendere dirompenti gli interrogativi sul libero arbitrio è stato poi soprattutto lo sviluppo delle cosiddette tecniche di neuroimaging, in grado di misurare la relazione tra attività di determinate aree celebrali e specifiche funzioni.

In Italia, negli ultimi anni diversi testi hanno affrontato questi temi. Tra essi si possono segnalare Neuroetica. La morale prima della morale, edito da Raffaello Cortina nel 2008 e scritto da Laura Boella, filosofa dell’Università di Milano, e più recentemente Lo spazio della responsabilità, pubblicato nel 2015 da Il Mulino e curato da Marina Lalatta Costerbosa dell’Università di Bologna. Sono opere in cui ripetutamente si invita alla prudenza quando ci si trova di fronte ai risultati che provengono dalle tecniche di neuroimmagini, vale a dire dalle metodiche per la rappresentazione del sistema nervoso e in particolare del cervello. Tali volumi ne chiariscono limiti e ambiti d’applicazione richiamandosi a una convergenza di saperi e competenze plurali.

È un approccio che risuona con l’appello generale del manifesto di Kathinka Evers a una feconda e necessaria interdisciplinarietà di cui la neuroetica si dovrebbe fare portavoce, sia “per contribuire a una migliore definizione degli oggetti della ricerca neuroscientifica, sia per tentare di rendere sperimentalmente indagabili i problemi che la filosofia affronta da millenni soltanto in modo astratto. Questo servirebbe a far luce su concetti impervi per la scienza ed elusivi per la filosofia”, conclude Canali.

*Il testo di quest’articolo è stato pubblicato sul periodico pagina99 il 23 gennaio 2016.

Tag:,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter