Dawkins cita male Primo Levi, almeno secondo Jeremy Bernstein

Jeremy Berstein, fisico e famoso popular science writer americano, ha scritto una recensione del The Oxford Book of Modern Science Writing curato da Richard Dawkins, biologo britannico e autore di best seller come il Gene egoista. La recensione si trova su un numero del The New York Review of Books che sarà disponibile in forma cartacea a partire dall’11 Marzo 2010. Berstein non è molto convinto del lavoro di Dawkins. Si chiede cosa se ne fa un lettore dell’antologia dei testi raccolti da Dakwins. Nelle conlusioni spera che siano solo un antipasto, uno stimolo per il lettore perché approfondisca andando a leggersi gli originali in forma completa.
Non è poi neanche convinto della selezione fatta.
A questo proposito si dilunga su Primo levi e La Tavola periodica. A suo modo di vedere c’erano dei capitoli, come quello intitolato “Cerio”, in cui Levi dava grande prova di scrittura intrecciando la descrizione dell’elemento chimico con la tragica esperienza nei campi di concentramento durante la seconda guerra mondiale.
Dawkins sceglie però di pubblicare il capitolo intitolato “Carbonio” e secondo Bernstein fa un cattivo servizio allo scrittore italiano perché il lettore ha un’impressione completamente sbagliata del perché La Tavola periodica è un grande libro.

Tag:,

Lascia un commento