gli scienziati della domenica in cattedra con Obama*

pagina99-copertina-05-12-2015 Aiutano i ricercatori a scoprire nuove galassie o a “mappare” la superficie di Marte, raccolgono dati sull’ambiente e sulla qualità dell’aria, passano giornate intere negli habitat naturali più disparati per studiare volatili e poi donare le loro osservazioni agli ornitologi. In passato sono stati anche cruciali, fra le altre cose, nella soluzione della struttura di un enzima fondamentale nella diffusione del virus dell’AIDS. Sono i volontari della scienza: un esercito di milioni di persone sparse in tutto il mondo, quasi tutti non professionisti della ricerca, che poche settimane fa ha ricevuto un’insperata legittimazione addirittura dalla Casa Bianca. Un memorandum firmato in prima persona da John P. Holdren, consigliere scientifico del presidente americano, ha infatti chiarito come l’amministrazione Obama vuole imprimere una decisa accelerazione alla “scienza dei cittadini”, di cui riconosce, oltre all’importanza educativa e metodologica, il valore economico, stimato in miliardi di dollari all’anno.

La nota dell’Ufficio per la politica della scienza e della tecnologia statunitense potrebbe rappresentare un radicale cambiamento nei rapporti tra ricerca e società. “L’aspetto fondamentale del documento” spiega a pagina99 Mariachiara Tallacchini, già senior scientist presso il Joint Research Centre della Commissione Europea, “è che si tratta di un ordine esecutivo indirizzato alle organizzazioni governative e alle agenzie federali”. Non un generico invito dunque, “ma cose da fare concretamente entro tempi stabiliti”. Il memorandum individua soprattutto due azioni specifiche. Ogni agenzia deve prima di tutto individuare un coordinatore per i progetti di citizen science, successivamente deve catalogare le attività di ricerca aperte alla partecipazione di tutti i cittadini.

La discontinuità della nota di Holdren si apprezza anche nella definizione proposta di citizen science. Se genericamente con essa si intende l’attività di ricerca realizzata coinvolgendo dei volontari come “sensori” per raccogliere informazioni scientifiche o come “elaboratori” per contribuire a risolvere problemi di analisi dei dati, il memo americano assegna ai cittadini un ruolo molto più significativo. Essi, nella descrizione fornita dall’amministrazione Obama, come continua Tallacchini, “possono formulare domande di ricerca, condurre esperimenti scientifici, interpretare risultati, fare nuove scoperte, sviluppare tecnologie e applicazioni, risolvere problemi complessi, non solo raccogliere e analizzare dati. C’è il pieno riconoscimento metodologico e teoretico assegnato normalmente alla scienza svolta nei laboratori e nelle università”. La citizen science non è insomma una scienza di serie B, semmai “si caratterizza per una diversa finalità pratica e applicativa, per una marcata enfasi sul contributo alla risoluzione di questioni sociali. Senza trascurare il valore educativo a essa assegnato e soprattutto il suo impatto economico”.

I volontari della ricerca, tra contare uccelli, identificare galassie e individuare batteri forniscono un servizio il cui valore è stimato almeno attorno ai due miliardi e mezzo di dollari annui in natura. Questo dato, ottenuto grazie al lavoro di un gruppo di esperti americani di protezione ambientale, è uno dei punti di partenza del memorandum di Holdren. In un articolo pubblicato all’inizio dell’anno sulla rivista Biological Conservation, gli autori hanno per la prima volta quantificato la scala dei progetti di citizen science sulla biodiversità mediante l’analisi di più di 300 iniziative. Hanno calcolato che i volontari della scienza dedicano ogni anno tra le 21 alle 24 ore del loro tempo libero ad attività di ricerca. Considerando che sono coinvolte circa un milione e trecentomila persone, il contributo equivalente è pari ai già citati due miliardi e mezzo di dollari. Una stima peraltro al ribasso, dato che lo studio ha preso in considerazione solo progetti sulla biodiversità, on-line e in lingua inglese.

La ricerca documenta anche una crescita dei progetti di citizen science a ritmi inimmaginabili fino a qualche anno fa, una tendenza guidata dallo sviluppo di sensori a basso costo e altri strumenti di monitoraggio ormai facilmente utilizzabili e disponibili anche su uno smartphone.

L’amministrazione Obama dimostra di aver colto perfettamente le potenzialità legate all’accelerazione del fenomeno, meglio che nel vecchio continente. “L’Europa”, ci spiega ancora Mariachiara Tallacchini, filosofa del diritto all’Università Cattolica di Piacenza ed esperta dei rapporti tra scienza e democrazia, “è molto più timida. Pochi mesi fa anche la Commissione Europea ha pubblicato un libro bianco sulla citizen science. Diversamente dagli Stati Uniti è un documento molto attento alle sfumature, preoccupato di stabilire in che cosa la scienza dei cittadini sia diversa rispetto a quella tradizionale”. In altre parole, si fa più fatica a riconoscere la possibilità di produrre assieme, esperti e non-esperti, conoscenza valida. Così come non si comprende appieno che il coinvolgimento a monte dei cittadini nella ricerca scientifica, il cosiddetto upstream engagement, sia la strada maestra per ridurre i conflitti tra scienza e società. “L’idea di Holdren”, continua Tallacchini, “è che il cittadino contribuisca alla conoscenza in fase istruttoria. In questo modo, non solo riduci i costi, ma aumenti la fiducia nei confronti delle istituzioni, nonché l’efficienza e l’efficacia delle policy.” L’approccio preventivo alla citizen science permetterebbe di ridurre la crescente e ricorrente litigiosità sulle controversie scientifiche (cambiamenti climatici, fecondazione assistita, testamento biologico, nanotecnologie, nucleare, ecc.). Si tratta di conflitti ben noti anche nel nostro paese, non particolarmente all’avanguardia sulla citizen science, dove però esistono esperienze in cui le diverse dimensioni delineate dal memorandum della Casa Bianca sono ben rappresentate. Come ad esempio nel progetto di epidemiologia partecipata PM2.5 Firenze, patrocinato dalla cooperativa Epidemiologia e prevenzione Giulio A. Maccacaro, in cui da circa due anni un gruppo di cittadini del capoluogo toscano conduce un’attività di sorveglianza della qualità dell’aria. L’iniziativa propone un rapporto nuovo tra le istituzioni e i cittadini. Come recitano i suoi promotori, in pieno stile Holdren, la disponibilità di informazioni e la produzione stessa del sapere scientifico devono essere “patrimonio di più soggetti e non ristretti al solo ambito specialistico”.

*Il testo di quest’articolo è stato pubblicato su pagina99 del 5 dicembre 2015.

Tag:, ,

Condividi:
  • Print
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • email
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter

Lascia un commento